Per un'estetica essenziale: teak statuario e bianco acciaio

Descrizione

Il progetto è caratterizzato da una accurata sintesi di materiali che si ripetono armonicamente: il profumo del teak asia inebria l'olfatto di chi accede all'appartamento, il bianco delle pareti e della laccatura dell'arredo ne illumina lo sguardo; il luccichio delle lampade e della rubinetteria invitano al tatto ed infine l'effetto statuario delle lastre in gress conferisce eleganza al contrasto col teak.

Il progetto nasce dalla necessità di rendere l'appartamento funzionale all'insediamento di un vivace nucleo familiare. Ciò ha comportato la necessità di ridisegnare planimetricamente l'unità immobiliare caratterizzata, in origine, dal lungo corridoio distributivo. Dal punto di vista progettuale si è proceduto per sequenze e quinte sceniche. Ogni ambiente è infatti stato studiato e quindi progettato nella sua complessità ma approfondito nei diversi scenari di cui è composto. L'attenzione per i particolari e per i dettagli costituisce la carta vincente di qualunque progetto e, in questo caso, trova una declinazione perfetta raggiunta grazie all'ottimo lavoro di squadra realizzato dalle diverse imprese esecutrici: Edilia costruzioni, per le opere edili; Idrotermica di FrancescoTandoi, per le opere idrauliche; Diemme di Mazzilli Valerio; per l'impianto elettrico e l'installazione dei corpi illuminanti; Alfonso e Michele Calò per le opere di finitura, controsoffittatura e tinteggiatura oltre che per la posa in opera della carta da parati a soffitto; Falegnameria Quercia per la realizzazione degli arredi.

Entrando, ci si imbatte in un'elegante boiserie che articola la zona living segnandone la parte centrale, quella di snodo e di passaggio, strategicamente evidenziata dalla presenza di due sospensioni tra loro sfalsate ("cloud", disegnata da Dodo Arslan per Terzani). La lampada è realizzata mediante la composizione di dischetti di acciaio lucido, diversamente orientabili, che non possono che calamitare l'attenzione di chiunque la osservi. A fare da sfondo è la pannellatura laccata in bianco ben esaltata dal pavimento in massello di teak, fiammato asia. La boiserie e le lampade segnano il centro della zona giorno che si articola, quindi, da un lato, nel salotto e dall'altro nella cucina/pranzo. A sottolineare la centralità del sofà si apre nel controsoffitto una superfcie finemente rivestita da carta da parati effetto muro, "Tapiè" di Wall&decò. La scelta del soggetto non è casuale ma rispecchia l'intento di caratterizzare l'ambiente con una trama a metà tra il ricamo e l'arazzo. A destra dell'ingresso si svolge, invece, la zona cucina/pranzo. La boiserie avvolge e nasconde la cucina e segna il passaggio tra le plance di parquet e le grandi lastre in gress porcellanato effetto marmo. La cucina bianca dallo stile semplice ed essenziale è anticipata dalla penisola rivestita in parquet. A concludere la scena sono due sospensioni Zoe di Cangini e Tucci sul tavolo da pranzo disposto di traverso prima dell'accesso al terrazzo. La zona notte si articola al di là dell'area living sfruttando al meglio la doppia esposizione dell'appartamento. Nei bagni la scelta di ottimi sanitari e preziose rubinetterie ha esaltato l'eleganza della composizione progettuale e valorizzato il concetto di sintesi intesa come scelta oculata di materiali, forme e colori.